24 September 2022
Curiosità Estero Giochi Persone

Turista dalle Hawaii prende la città dalla tempesta. A Las Vegas è stato stabilito il record mondiale di dadi consecutivi

Avatar photo
  • Agosto 22, 2022
  • 4 min read
  • 76 Views
Turista dalle Hawaii prende la città dalla tempesta. A Las Vegas è stato stabilito il record mondiale di dadi consecutivi

L’anno era il 1989 e Stanley Fujitake si stava godendo una delle sue regolari vacanze a Las Vegas insieme a sua moglie. La coppia felice di Honolulu, Hawaii, si è accampata al California Hotel & Casino – situato nel quartiere Downtown lungo Fremont Street – dove il signor Fujitake si è trovato rapidamente un posto al tavolo dei dadi. Poco prima di mezzanotte, con un’umile scommessa di $ 5 piazzata sulla Pass Line, Fujitake prese i dadi tra le mani e li lasciò volare.

Come sa bene chiunque abbia familiarità con il gioco dei dadi, fungere da sparatutto da tavolo può portare un giocatore d’azzardo su un numero qualsiasi di percorsi molto diversi. Potresti tirare un 2, 3 o 12 per produrre una perdita istantanea per gli scommettitori Pass Line “crapping”. O forse tiri un 7 o un 11 per inviare ai giocatori di Pass Line un rapido vincitore alla pari sulla loro scommessa.

Il più delle volte, tuttavia, quel lancio iniziale – meglio noto come “lancio di apertura” nel gergo dei dadi – si ferma su un 4, 5, 6, 8, 9 o 10 per stabilire un nuovo numero di punto. Da lì, il compito del tiratore è di tirare di nuovo il numero del punto prima che il temuto 7 colpisca il tappeto verde. Quel risultato – più comunemente chiamato “sevening” nei dadi – fa sì che gli scommettitori di Pass Line perdano mentre finiscono la sessione del tiratore in un lampo.

Ma in quella fatidica sera dell’estate 1989, Fujitake rimase tre ore e sei minuti senza mai tirare un sette. In tal modo, il minuscolo hawaiano che ha chiamato “The Cal” la sua abitazione, lontano da casa ha stabilito un nuovo record mondiale per il più lungo tiro di craps consecutivo di sempre.

Il tavolo, immagine tratta dal sito pokernews.com

Testimoni ancora in soggezione quando ricordano il record di Fujitake John Repetti, che all’epoca era manager del casinò per la California, in seguito spiegò esattamente quanto fosse raro un rullino come quello di Fujitake in un’intervista con la pubblicazione interna News at the Cal : “Mezz’ora è nella media, più di un’ora è incredibile, ma più di tre ore è assolutamente sbalorditivo.”

È stato un miracolo, perché è impossibile tenere i dadi. Non succede sempre, forse è solo una volta nella vita. “ Quando tutto fu detto e fatto, Fujitake aveva lanciato i dadi 118 volte di fila senza sette. Durante quella maratona di 186 minuti, è riuscito a raggiungere il numero di punti per un vincitore di Pass Line in 18 occasioni, attirando l’attenzione degli altri giocatori e dello staff del casinò.

Stanley Fujitake, immagine tratta dal sito pokernews.com

Con il tavolo ormai gremito e i giocatori che premono le loro scommesse Pass Line dopo ogni lancio, Guido Metzger, un dealer che si è fatto strada fino a una posizione dirigenziale al California, ha assistito a una scena indimenticabile. Come ha raccontato alla newsletter del settore dei casinò Boyd’s Buzz , Metzger ha visto i soldi cambiare di mano a un ritmo quasi incredibile.

Dopo che il suo 119 ° lancio è finalmente rimbalzato male ed è atterrato mostrando un 7, Fujitake aveva trasformato la sua scommessa di apertura di $ 5 in mattoni di fiches del valore di poco più di $ 30.000. Non è stato l’unico vincitore, tuttavia, poiché gli altri scommettitori di Pass Line hanno battuto la California con un fantastico $ 750.000 combinato.

Locandina che descrive il record, immagine tratta dal sito pokernews.com

Secondo David Strow – che serve il vicepresidente delle comunicazioni aziendali per la società madre di casinò californiana Boyd Gaming – l’evidente discrepanza tra il bottino di Fujitake e quello dei suoi compagni di tavolo parla dei diversi stili di scommessa impiegati dai clienti abituali di craps: “Questa era una delle cose ironiche del suo tiro: gli altri giocatori al tavolo finirono per vincere molti più soldi di Stanley!”

Ti sta piacendo l’articolo? Allora leggi…

Blackjack: entra scalzo al Treasure Island, vince $1.6 milioni ma brucia tutto tra bella vita e gamblate

Ogni giocatore immagina di godersi la corsa della propria vita prima o poi, ma questi sogni raramente si realizzano quando si gioca a dadi. Dopotutto, le probabilità di ottenere un 7 si attestano al 16,67 percento, rendendolo il numero più probabile che arrivi quando i dadi rivelano il loro risultato. Quel calcolo freddo e duro aiuta a mettere i risultati di Fujitake nella giusta prospettiva.

In 28 anni dalla fondazione del Golden Arm Club, molti tiratori hanno eclissato il magico plateau di un’ora per assicurarsi il loro ingresso, ma nessuno si è mai avvicinato a tre ore come ha fatto Fujitake.

Resta e resterà nella storia. In tutti i casinò compare in bella mostra il calco della sua mano in bronzo con i dadi di colore rosso per rammentare che la mano di Dio o del Diavolo può sempre presentarsi in qualsiasi momento.

image_pdfScarica PDFimage_printStampa
Avatar photo
About Author

Erienzo Lancini

Buongiorno, sono Erienzo Lancini. Scrivo per Mysterius.it da quando è nato. Spesso contatto gente per fare video.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments