24 September 2022
Cultura Curiosità Estero Invenzioni Medioevo Persone

Le scarpe di loto, un ideale orientale della bellezza femminile

Avatar photo
  • Luglio 20, 2022
  • 3 min read
  • 58 Views
Le scarpe di loto, un ideale orientale della bellezza femminile

Le scarpe di loto erano un tipo di scarpe femminili che avevano lo scopo di deformare i piedi, chiamati loto d’oro. Questa pratica, introdotta dagli Han in Cina, risale al Medioevo, circa al X secolo e fu utilizzata fino alla fine del XX secolo.

Motivo della nascita

La leggenda narra che l’imperatrice fosse nata con un piede storto e convinse il marito affinché mettesse una legge che obbligava tutte le ragazze cinesi a indossare un tipo di scarpe che deformava i piedi. Questa usanza raggiunse la massima espansione tra il XVI e XVII secolo, e verso la fine del XVIII secolo alcuni leader cinesi iniziarono a lottare per abolire la fasciatura. Tale lotta si concluse nel 1928, quando il ministro degli affari emanò un’ordinanza e costrinse tutte le prefetture a rispettarla.

Esemplare di una scarpa di loto, immagine di Museo Rossimoda della calzatura, condivisa con licenza CC BY-SA 3.0

Com’è fatta la scarpa

La scarpa è fatta su misura e solitamente non supera i 10 cm di lunghezza. Poiché erano indossate prevalentemente da aristocratiche, le scarpe venivano fabbricate con cotone, seta e decorate con ricami delicati, raffiguranti animali e fiori.

Il “loto d’oro”, il risultato

Il risultato di tale pratica veniva chiamato loto d’oro o giglio d’oro, infatti la scarpa aveva la forma di un loto. La pratica assumeva pieghe diverse in base al ceto: se si apparteneva a famiglie aristocratiche, il processo iniziava all’età di 2 anni e ciò rendeva la pratica meno dolorosa. Se si proveniva da famiglie contadine, iniziava più tardi, perché le ragazze dovevano essere abili al lavoro. Solitamente iniziava quando trovavano marito e prima dei 15 anni, periodo in cui le ossa erano ancora malleabili. Il processo poteva durare dai 3 ai 10 anni, ma il piede necessitava di continue attenzioni per tutta la vita.

La deformazione dei piedi

Per deformare i piedi prima si piegavano le dita più piccole sotto il piede, poi l’alluce veniva avvicinato al tallone. Era un processo doloroso, nel quale il piede cresceva, ma la forma non cambiava. Le ossa si rompevano o venivano rotte appositamente e si saldavano in modo anomalo.

Nella società questa pratica era vista come una particolarità attraente, infatti anche molte povere si facevano deformare i piedi per sposarsi con ricchi e migliorare la situazione economica. Le ragazze potevano anche essere vendute come concubine e il prezzo variava in base alla forma del piede.

Radiografia, a sinistra un piede normale, a destra un piede deformato

In questa pagina, nella sezione racconti, è presente un estratto del libro “Fiore di neve e il ventaglio segreto” di Lisa See.

image_pdfScarica PDFimage_printStampa
Avatar photo
About Author

Riccardo Falconi

Ciao, sono Riccardo Falconi e sono il creatore di Mysterius.it. Scrivo articoli e creo video tratti dagli articoli. I misteri, fatti storici e racconti mi incuriosiscono.Gestisco le pagine Instagram, YouTube e Facebook del sito.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments